Torna al blog
Gestione “performante” del magazzino in farmacia e rotazione dei prodotti

Condivido questo articolo di FARMACIA VIRTUALE IN QUANTO LO RITENGO MOLTO INTERESSANTE PER LA FARMACIA 

La gestione del magazzino della farmacia e la rotazione dei prodotti acquistati, in alcuni professionisti, incute ansia; molte volte non si pensa di dover fare i conti con l’aspetto economico della farmacia, legato allo stock dei prodotti. Questo aspetto è davvero fondamentale per una corretta e proficua gestione dell’intera farmacia. Con la parola magazzino ci riferiamo all’assortimento prodotti – come farmaci, parafarmaci, medical device e cosmetici – presenti fisicamente in farmacia e pronti per la vendita immediata al banco. Ma, andando al dunque, qual è la check-list ideale per gestire in modo performante il proprio magazzino?


Parola d’ordine… ordine!

Per avere la situazione sotto controllo, occorre che i prodotti siano stipati in ordine di scadenza, divisi per tipologia, in aree idonee in termini di igiene/temperatura e che siano perfettamente visibili, senza essere oscurati da altre referenze o pacchi posizionati davanti. Tutte le referenze dovrebbero essere posizionate in area vendita di modo che i clienti possano subito valutare l’acquisto d’impulso o chiedere al farmacista informazioni professionali (abbiamo appena generato un lead!).

Il magazzino, quindi, non è solo l’area dove tenere i prodotti nel retro della farmacia, ma il vero magazzino performante è quello esposto al pubblico. Nel caso in cui la quantità dei prodotti è elevata, il maggior quantitativo possibile dovrà essere posizionato in area vendita e il resto dello stock in retro banco, in unica posizione e non in posizionamenti frazionati. È necessario anche dare giusto spazio e rilevanza a ogni prodotto in area vendita in modo da stimolarne l’acquisto (e capire di riflesso cosa si ha in maggiore quantità).

Occhio alle scadenze

Risulta essenziale controllare le scadenze dei prodotti relative al mese successivo, in modo da ritirarle dall’area vendita e dal magazzino e posizionarle in spazi non conformi. Buona pratica è anche quella di valutare le scadenze prodotti a 9-12 mesi, per poter elaborare strategie di vendita e offerte di modo da eliminare le scorte prima della scadenza effettiva, monetizzando quindi potenziali prodotti che altrimenti genererebbero perdita economica.

Ogni settimana il magazziniere (o il farmacista responsabile) dovrà provvedere a rimpiazzare i prodotti carenti in area vendita dal magazzino, sistemando le referenze negli scaffali e riducendo disordine creatosi durante le fasi di vendita; in questo modo, si eviteranno potenziali errori commerciali e professionali.

Il valore del magazzino

Attenzione al valore di magazzino al 31 dicembre di ogni anno, perché il valore di costo di tutti i prodotti andrebbe a incidere di riflesso sulla situazione economica della farmacia, aumentando di conseguenza il valore della tassazione annuale. Occorre però fare una precisazione davvero importante: vero è che da un lato sarebbe proficuo ridurne il valore ma dall’altro, qualora dovessimo venire a conoscenza di offerte e scontistiche allettanti, non serve essere restii all’acquisto. La bilancia pende sempre a favore del prezzo più basso o dello sconto maggiore in fase di acquisto e non a tenere il magazzino basso a tutti i costi!

Rotazione

Importante ai fini della corretta gestione dei prodotti è la loro rotazione, ovvero il numero di volte che un prodotto, in un determinato arco temporale, viene venduto e riacquistato. Bisogna tenere in considerazione che la rotazione dei prodotti è influenzata dalla richiesta da parte dei clienti, ma anche da corretta esposizione, ottimo prezzo di acquisto e di rivendita, focus commerciale da parte di farmacisti e addetti alla vendita.


Sui prodotti a bassa rotazione occorre monitorare costantemente le vendite, per evitare di incorrere in scadenza e generare una consequenziale perdita di profitto. Un prodotto basso rotante in scadenza, genera passivi maggiori rispetto ai potenziali guadagni generati da un prodotto acquistato a un ottimo prezzo.

Ordini di acquisto

È indispensabile gestire correttamente gli ordini di acquisto, ovvero le quantità ordinate idonee alla soddisfazione della domanda, in un lasso di tempo che consiglio essere trimestrale. Nel caso in cui, come già accennato in precedenza, la ditta o il grossista di riferimento ci propongano un’offerta commerciale davvero vantaggiosa e parallelamente riscontrassimo delle buone uscite, non bisognerà esitare nell’acquisto ma essere felici di aver fatto un’ottima azione commerciale.

Meticolosità per tutta la farmacia

Sponsorizzazioni in monitor in area d’attesa clienti, locandine, volantini e attività digitali rivestono un ruolo fondamentale e decisivo nella rotazione dei prodotti in farmacia… e anche nella soddisfazione del farmacista e del titolare nel raggiungimento completo dell’obiettivo commerciale prefissato.
Per di più aumenterà, con il proseguire del tempo, il potere commerciale con i fornitori di riferimento. Si dovrà, inoltre, porre attenzione a tutte le tecniche di visual merchandising, che aiutano nell’acquisto d’impulso o nello stimolo alla vendita in generale. Altrettanto utili le giornate promozionali in farmacia, in cui alla vendita del prodotto viene abbinato un plus aggiuntivo (come ad esempio la prova dello stesso prodotto, un omaggio, uno sconto su altre referenze), potenziando così il cross-selling. Occhio quindi a tutto il magazzino della farmacia!