Torna al blog
LA TECNOLOGIA INCONTRA LA MODA

La moda incontra l’alta tecnologia: i robot dell’IIT in passerella per Dolce e Gabbana


Magari le movenze non erano proprio quello di una “mannequin” ma sicuramente iCub e R1, i robot messi a punto dall’IIT di Genova sono riusciti a compensare con la simpatia il debutto sulla passerella di Dolce e Gabbana, in occasione della Sfilata Donna Autunno-Inverno 2021/22.

I robot, frutto della ricerca altamente specializzata dell’Istituto Italiano di Tecnologia nel campo della robotica di servizio e dell’Intelligenza Artificiale, hanno infatti affiancato il marchio in questa performance per celebrare l’eccellenza della ricerca italiana in ambito tecnologico e le sue infinite applicazioni: una sfida che guarda al futuro con curiosità e desiderio di sperimentare.

Un debutto in passerella che per iCub è stato abbastanza statico: il “robot ragazzino” ha fatto solo alcuni passi e poi è rimasto fermo a salutare dal palco, forse più attratto dalle camere robotizzate che dalla bellezza delle modelle; per gli R1, più agili grazie alle ruote, è stata invece una vera e propria prova del nove con tanto di “falcata” affianco alle modelle, vestiti con borsette e collane firmate dagli stilisti.

iCub, invece, ha mantenuto il suo abbigliamento classico, fatto di pelle artificiale, ma oltre al ruolo di “direttore di scena” ha saputo anche affascinare il backstage incontrando gli stilisti e cercando di imparare, grazie all’intelligenza artificiale, qualche piccolo rudimento di sartoria.

Metta: “Creatività e tecnologia compongono quadro di grande effetto”


“Sono stato piacevolmente sorpreso dall’invito di Dolce&Gabbana a coinvolgere IIT – ha detto Giorgio Metta, Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia – e due delle sue più note e importanti realizzazioni robotiche come iCub e R1, in questo evento. Osservare i nostri robot sulla pedana di una sfilata di moda ci fa sentire vicini al grande pubblico che segue queste manifestazioni dimostrando così che gli esiti della ricerca scientifica sono un patrimonio comune disponibile per tutti. La creatività di Dolce&Gabbana e la nostra visione tecnologica compongono un quadro di grande effetto”.

Dolce e Gabbana: “Robot e artigianato possono coesistere”


Ancora una volta, quindi, il marchio Dolce&Gabbana è a fianco di una realtà italiana di primaria importanza che contribuisce all’impegno da parte della comunità scientifica internazionale di creare soluzioni avanzate ai bisogni quotidiani: tecnologie robotiche all’avanguardia, che acquistano un fascino ancora maggiore perché frutto dell’intelligenza, della creatività e della dedizione dell’essere umano.

“Siamo davvero felici che IIT abbia accettato questa sfida – hanno detto Domenico Dolce e Stefano Gabbana – è incredibile pensare come l’ingegno dell’uomo e la sua determinazione possano dar vita ad altre forme di intelligenza, che apprendono dall’esperienza per essere impiegate in campo medico, ambientale e sociale. La moda è da sempre contaminazione di mondi anche molto lontani tra loro: se la tecnologia è davvero a servizio dell’uomo, dei suoi bisogni e delle sue passioni, allora artigiano e robot potranno coesistere”.

Fabrizio Cerignale

L'architettura commerciale  in farmacia

Alla scoperta dell'Architettura commerciale in farmacia

La farmacia moderna è un negozio caratterizzato da un approccio diverso, che combina le esigenze sanitarie dei clienti, con la soddisfazione di cercare piacere visivo.

Va notato, in particolare, che l'Architettura commerciale riguarda non solo la pianificazione spaziale di una superficie di vendita, ma anche l'adozione e l'estensione dei nuovi comportamenti dei consumatori.

L'Architettura integra: design, comunicazione visiva, marketing emozionale, movimento

 e  Razionalismo.

Molte volte lo identifichiamo con le attrezzature quali: showroom, cassettiera ( magazzino  elettronico) espositori e servizi, gondole, illuminazione e decorazione, dimenticando che questi sono i mezzi che sostengono il funzionamento della farmacia.

Alcune domande che sorgono senza sforzo sono le seguenti:

Perché scegliamo un punto vendita piuttosto che un altro quando entrambi raccomandano gli stessi prodotti?

Perché dobbiamo stare in un certo spazio, interagire con i suoi elementi, per convincere il cliente a scegliere un determinato prodotto?

Quanto è importante dare un messaggio ai nostri clienti?

Qual è l'effetto dell'Architettura e del design sui nostri saldi?

I nostri clienti capiscono appieno i servizi che forniamo loro?

Volendo dare alcune risposte a quanto sopra, abbiamo codificato in un glossario i concetti di Architettura commerciale e strumenti che utilizza attualmente, creando la farmacia moderna.

ARCHITETTURA

L' Architettura è un concetto ampio perché abbraccia l'intero ambiente della vita umana. Non possiamo fuggire dall'Architettura mentre facciamo parte della cultura, poiché rappresenta tutte le modifiche, e le modifiche apportate alla superficie terrena tranne che per il deserto puro ".

William Morris.

ARCHITETTURA COMMERCIALE

L ' Architettura di un punto vendita contribuisce con un valore aggiunto, che ne determina la differenza da altri negozi simili e determina l'immagine che l'azienda vuole dare di sé stessa.

L’ Architettura progettata con cura, offre la possibilità di integrare concetti astratti come i valori dei marchi che mette in evidenza, e di altri strumenti che causano emozioni attraverso il design, come la pubblicità.

L ' Architettura diventa poi un mezzo di comunicazione con i clienti ed è un elemento chiave nella trasmissione dell'identità aziendale.

BRAND

Si riferisce al processo di creazione e gestione di un marchio (un marchio). È una disciplina derivante dalla necessità di gestire concetti strategici che durano più a lungo delle campagne di comunicazione.

Il valore della buona gestione di un marchio si accumula nel tempo in successive interazioni di mercato.

CREARE UN CONCETTO

Consente all'azienda di essere immessa sul mercato e di aumentarne il riconoscimento, attraverso il design architettonico e la comunicazione visiva.

DESIGN

Il Design è definito come un processo preliminare di configurazione intellettuale per cercare una soluzione. Etimologicamente derivato dalla parola italiana disegno: pittura, disegno, visione, performance grafiche.

Il Design richiede principalmente stime funzionali ed estetiche, ovvero molte fasi di ricerca, analisi, modellazione, adattamento e regolamentazione, prima della produzione finale.

Il filosofo moderno Vilem Flusser nota nel suo libro '' Filosofia del Design ", che il futuro dipende dal design.

DESIGN DI MULTIMEDIA

Il Design combina strumenti di comunicazione multimediali come testo, immagini, foto, cartoni animati, video, musica ecc, permettendo all'utente di scegliere le azioni da eseguire.

Questa capacità di produrre interattiva è la grande differenza tra grafica e può interagire con qualsiasi risposta pubblica.

Animazioni 2 D o 3 D, presentazioni interattive, internet, sono solo alcune applicazioni.

 

STRATEGIA

La strategia come attività aziendale include analisi e selezione dei mercati, definizione di obiettivi aziendali e mezzi di marketing.

IDENDITY VISUALE

L ' identità visiva è l'evento fisico dell'attività aziendale. Si sviluppa attraverso un programma accuratamente studiato che traduce il carattere del negozio, ne comunica i valori e assicura la coerenza dei messaggi al consumatore.

LOGO

Il logo è quel design utilizzato per indicare la capacità, il nome o entrambi, da imprese che hanno bisogno di autodeterminazione facile e veloce.

È un breve messaggio grafico che contiene tutti i valori di qualsiasi tipo di business e della farmacia.

NOME DEL Brand

Un marchio è una descrizione verbale, una grafica distintiva o una combinazione dei due elementi, il cui scopo è diversificare il mercato.

Il marchio '' è la subordinazione di una promessa, di un prodotto o servizio, speciale, in relazione alla concorrenza, rendendolo unico. Consente non solo l'individuazione di beni o servizi, ma rappresenta anche il glamour dei loro produttori.

MERCATO

Secondo Philip Kotler (considerato il padre del marketing) è '' il processo sociale e amministrativo attraverso il quale team e individui soddisfano le loro esigenze creando e condividendo beni e servizi ".

Tuttavia, ci sono altre definizioni come il marketing è arte, scienza, per soddisfare le esigenze dei clienti e le vendite.

Include una serie di azioni come studi, strategie, posizionamento ecc. Spesso viene confuso con il termine pubblicità, ma è solo uno strumento di marketing.

MERCHANDISING

Il merchandising include tutte le attività svolte in un settore commerciale che mira a confermare o modificare il comportamento del mercato a beneficio dei dati più redditizi per l'azienda.

Include tutti gli studi e le tecniche di Marketing che consentono la promozione del prodotto o del servizio alle migliori condizioni per il consumatore finale.

I principali obiettivi del Merchandising sono: creare interesse per il prodotto, direzione del cliente verso il prodotto, facilitare il processo di acquisto di prodotti.

ATTREZZATURE

Il suo equipaggiamento e layout nello spazio mira a mostrare al meglio il prodotto per renderlo più attraente.

Si tratta di uno strumento estremamente efficace per la comunicazione tra cliente, prodotti, e farmacista, al fine di facilitare e potenziare le vendite.

Tutti questi concetti e strumenti di cui sopra compongono la definizione generale dell'Architettura Commerciale del punto vendita.

Si tratta quindi di un processo polifaccettato e polifattivo, volto a rendere la farmacia non solo un negozio commerciale più attraente, ma soprattutto uno spazio, che serve al cliente e all'approccio del farmacista.

Lui aspira a offrirgli uno spazio confortevole che gli farà venire voglia di soggiornare, mentre mira allo stesso tempo a creare un luogo di lavoro piacevole e pratico dedicato all'anima della farmacia che non è altro che il suo staff.

GRAZIE POULIS, farmacista, CEO A.C.A.D.

Torna al blog